Gentile Dott. Pingitore,
sono uno psicologo e sto gestendo uno sportello d’ascolto presso una scuola. Se dovesse capitarmi durante una consulenza di rilevare l’ideazione suicidaria del mio assistito (minorenne) come dovrei comportarmi? In presenza della sola intenzione è sufficiente convocare i genitori? C’è obbligo di referto di fronte ad una mera ideazione suicidaria? La ringrazio.

È una valutazione clinica il rischio suicidario. Sicuramente vanno avvertiti gli esercenti la responsabilità genitoriale e la scuola anche per attivare, ad esempio, un consulenza presso neuropsichiatria infantile dell’Azienda Sanitaria competente ovvero presso professionista neuropsichiatra infantile privato (a spese dei genitori).

L’obbligo del referto è solo nei casi in cui il minorenne sia (presunta) vittima di reati a procedibilità d’ufficio.

Iscriviti alla Newsletter: ricevi aggiornamenti via e-mail e/o via WhatsApp

Condividi questo post

Leave A Comment

Post correlati

Iscriviti alla Newsletter

No spam, il tuo indirizzo e-mail non verrà ceduto a soggetti terzi.

Iscriviti alla Newsletter

No spam, il tuo indirizzo e-mail non verrà ceduto a soggetti terzi.

Total Views: 291Daily Views: 3