Gent.mo Dott. Pingitore,
sto guardando anche i suoi video per un supporto per la comprensione di alcuni articoli del codice che risultano particolarmente ostici, in particolare il 13, famoso referto e denuncia.

Guardando i suoi video (quello di gennaio 2024, lei sostiene che valga solo nel caso di interventi di tipo sanitario. Io che lavoro nell’ambito della ricerca e selezione, se iscritto all’albo e considerato ciò che dice l’articolo 1 (relativamente alla valenza delle norme per tutti gli iscritti anche se non professano propriamente l’attività di psicologi), non ho nessun obbligo di referto?

Le faccio un esempio per spiegarmi: se una/un candidata/o mi confessa che viene picchiato in famiglia, non essendo professione sanitaria la mia, non devo fare nulla?

Un’ altra situazione che mi mette un po’ in crisi è: se dovessi lavorare in ricerca e selezione in qualità di dipendente pubblico e dovesse succedere la situazione di cui sopra, non devo denunciare?

La ringrazio anticipatamente.

Lo psicologo è sempre professionista sanitario. Lo psicologo del lavoro, anche se la sua attività non ha una finalità sanitaria, opera in casi che possono presentare i caratteri di un delitto per il quale si debba procedere d’ufficio per cui ha l’obbligo di referto (Art. 365 c.p.). Nel caso specifico il reato – a procedibilità d’ufficio – sarebbe “maltrattamento in famiglia” (Art. 572 c.p.).

Se fosse dipendente pubblico, in qualsiasi ambito, avrebbe sempre obbligo di denuncia perché rivestirebbe le funzioni di Pubblico Ufficiale.

Un caro saluto.

Iscriviti alla Newsletter: ricevi aggiornamenti via e-mail e/o via WhatsApp

Condividi questo post

Leave A Comment

Post correlati

Iscriviti alla Newsletter

No spam, il tuo indirizzo e-mail non verrà ceduto a soggetti terzi.

Iscriviti alla Newsletter

No spam, il tuo indirizzo e-mail non verrà ceduto a soggetti terzi.

Total Views: 225Daily Views: 1