La potestà genitoriale è stata sostituita dalla responsabilità genitoriale con il D.lgs n. 154/2013. La principale differenza tra le due nozioni è che la responsabilità genitoriale è concepita come un insieme di diritti e doveri che i genitori hanno nei confronti dei figli, mentre la potestà genitoriale era incentrata sul potere dei genitori di esercitare un’autorità sui figli.

In particolare, la responsabilità genitoriale comprende i seguenti diritti e doveri:

  • Il diritto e il dovere di mantenere e educare i figli;
  • Il diritto e il dovere di assistere i figli nell’esercizio dei diritti e dei doveri civili;
  • Il diritto e il dovere di rappresentare i figli nei rapporti con i terzi;
  • Il diritto e il dovere di amministrare i beni dei figli.

La responsabilità genitoriale è esercitata da entrambi i genitori, anche se non sono sposati, in modo paritario e tenendo conto delle capacità, inclinazioni naturali e aspirazioni dei figli.

La potestà genitoriale, invece, era incentrata sul potere dei genitori di esercitare un’autorità sui figli, che era considerata un diritto naturale del padre. La potestà genitoriale era esercitata dal padre in modo esclusivo, con la madre che aveva solo un diritto di rappresentanza del figlio.

La sostituzione della potestà genitoriale con la responsabilità genitoriale ha rappresentato un importante passo avanti in termini di tutela dei diritti dei figli. La responsabilità genitoriale, infatti, riconosce ai figli la piena titolarità dei propri diritti e doveri, e pone i genitori in una posizione di collaborazione reciproca nell’interesse dei figli.

Iscriviti alla Newsletter: ricevi aggiornamenti via e-mail e/o via WhatsApp

Condividi questo post

Leave A Comment

Post correlati

Iscriviti alla Newsletter

No spam, il tuo indirizzo e-mail non verrà ceduto a soggetti terzi.

Iscriviti alla Newsletter

No spam, il tuo indirizzo e-mail non verrà ceduto a soggetti terzi.

Total Views: 150Daily Views: 1