Capita frequentemente che nei contenziosi civili di separazione, divorzio e affidamento, il CTU chieda informazioni allo psicologo che ha in cura o che ha avuto in cura la coppia genitoriale o un solo genitore.
Lo psicologo non è tenuto a dare nessuna informazione sullo stato di salute dei propri pazienti, nemmeno se è un CTU a fargli istanza.
Lo psicologo è tenuto al segreto professionale (art. 11 del Codice Deontologico e art. 200 c.p.p.).
A titolo esemplificativo, di seguito uno dei casi più frequenti:
– il Tribunale dispone “incontri protetti” presso uno psicologo pubblico/privato con monitoraggio del CTU o dei servizi sociali: lo psicologo non può ricevere l’incarico (serve valido consenso informato) e sicuramente non può trasmettere relazioni di sintesi a soggetti terzi, se non ai genitori committenti. In ogni caso, non è semplice essere svincolati dal segreto professionale: è necessario che lo psicologo valuti attentamente il caso.
Domande che lo psicologo deve porsi:
che tipo di trattamento devo fare? Al di fuori del contesto giudiziario le prestazioni erogate dagli psicologi sono trattamenti sanitari per cui è necessario un valido e libero consenso informato.
chi è il mio committente? Se è il Tribunale, devo ricevere una nomina e prestare giuramento. Se sono i servizi sociali, non posso ricevere un loro incarico, se non attraverso un contratto di lavoro. Se sono i genitori (che mi pagano) allora il contratto devono sottoscriverlo loro.
i genitori mi hanno chiesto una relazione all’esito della prestazione: lo psicologo valuta attentamente se redigerla oppure no. Dipende dalla finalità e dagli obiettivi. Se la relazione serve per tutelare i genitori (e figlio, se la prestazione riguarda anche lui), lo psicologo potrebbe accettare. In ogni caso, la relazione deve essere consegnata direttamente ai genitori, non al CTU/servizi sociali/Tribunale.
Maggiori informazioni in questo manuale:

Condividi questo post

2 Comments

  1. Chiara 11 Febbraio 2020 at 16:41 - Reply

    Buongiorno dott. Pingitore,
    scusi, durante una CTU disposta nell’ambito di una separazione al fine di valutare le capacità genitoriali, i video degli incontri registrati dal CTU possono essere consegnati alle parti ed ai loro difensori?
    La ringrazio per la risposta che vorrà fornirmi
    Chiara

    • Marco Pingitore 11 Febbraio 2020 at 16:43 - Reply

      Salve,
      certamente sì: agli avvocati e agli eventuali ccttpp.
      Cordiali saluti.
      Marco Pingitore

Leave A Comment