Certamente, fa parte del Servizio Sanitario Nazionale che eroga prestazioni psicologiche con finalità sanitaria, quale sostegno psicologico e psicoterapia.
Quindi ogni utente che accede al Consultorio Familiare deve prestare il consenso informato. A tal proposito, lo Psicologo operante nel Consultorio deve acquisire il consenso informato nelle forme ex artt. 1 e 3 della L. 219/17 e degli artt. 24 e 31 del Codice Deontologico degli Psicologi.

Solo in un caso il Consultorio può derogare all’obbligo del consenso informato: nei casi di IVG – Interruzione Volontaria di Gravidanza.

Iscriviti alla Newsletter: ricevi aggiornamenti via e-mail e/o via WhatsApp

Condividi questo post

Leave A Comment

Post correlati

Iscriviti alla Newsletter

No spam, il tuo indirizzo e-mail non verrà ceduto a soggetti terzi.

Iscriviti alla Newsletter

No spam, il tuo indirizzo e-mail non verrà ceduto a soggetti terzi.

Total Views: 1.251Daily Views: 1