Gent.mo Dott. Pingitore,
è necessario acquisire il consenso informato nei Servizi Sanitari pubblici? Ad esempio:
– consultorio familiare
– neuropsichiatria infantile
– centro salute mentale

Certamente, è necessario acquisire il consenso informato sia nei contesti sanitari pubblici sia in quelli privati convenzionati. Lo prevede:

– l’Art. 32 della Costituzione
– l’Art. 33 della L. 833/78
– gli artt. 1 e 3 della L. 219/17
– gli artt. 24 e 31 del Codice Deontologico delle Psicologhe e degli Psicologi

Esistono un paio di deroghe all’acquisizione del consenso informato nei casi di prestazioni sanitarie nei confronti di persone minorenni. Nei casi di:

– Interruzione Volontaria di Gravidanza (IVG) Art. 12 L. 194/78
– Art. 120 Legge 309/90 (Testo unico delle leggi in materia di disciplina degli stupefacenti e sostanze psicotrope, prevenzione, cura e riabilitazione dei relativi stati di tossicodipendenza)

Nei casi di prestazioni sanitarie nei confronti di persone minorenni, il consenso informato è espresso dagli esercenti la responsabilità genitoriale o la tutela.

A questo link, è possibile scaricare dei fac-simile moduli consenso informato:

Iscriviti alla Newsletter: ricevi aggiornamenti via e-mail e/o via WhatsApp

Condividi questo post

Leave A Comment

Post correlati

Iscriviti alla Newsletter

No spam, il tuo indirizzo e-mail non verrà ceduto a soggetti terzi.

Iscriviti alla Newsletter

No spam, il tuo indirizzo e-mail non verrà ceduto a soggetti terzi.

Total Views: 426Daily Views: 1