Se la prestazione neuropsicologica è prescritta nell’iter diagnostico deciso dal neurologo che ha in cura il paziente, bisogna ugualmente ottenere il consenso informato? Considerando che il paziente ha firmato un consenso informato “generale” alla prima visita con il neurologo: il paziente ha dato il suo consenso per tutto l’iter diagnostico.

Seconda domanda: nello stesso contesto, una volta terminato l’iter diagnostico, se si volesse proporre un intervento psicologico al paziente è necessario un nuovo consenso informato?

Risposta alla prima domanda: ogni prestazione psicologica in ambito sanitario necessita di un valido consenso informato. Se nel modulo del consenso informato dell’iter diagnostico è presente la parte psicologica va bene.

Risposta alla seconda domanda: se l’intervento psicologico proposto non era stato inserito nel precedente consenso informato, è necessario acquisire un nuovo consenso informato.

Condividi questo post

By Published On: 29 Agosto 2022Categories: Domande e Risposte0 CommentsTags: , Last Updated: 29 Agosto 2022

Leave A Comment

Post correlati

Iscriviti alla Newsletter

No spam, il tuo indirizzo e-mail non verrà ceduto a soggetti terzi.

Privacy Newsletter

* indicates required
Categorie

Hai bisogno di una consulenza?

Consulenza