Spesso sui siti internet o sui bigliettini da visita di alcuni psicologi si legge la definizione “psicoterapeuta in formazione”. E’ consentito utilizzarla?

Riterrei di no. 

La definizione è ambigua e lascia intendere, al comune cittadino, che lo psicologo è già psicoterapeuta.

Potrebbe essere intesa come un generico “lo psicoterapeuta si sta formando” in un altro ambito o sta perfezionando le competenze da psicoterapeuta. Di fatto, appare implicito l’usurpazione di un titolo ancora da acquisire. Infatti, si può utilizzare il titolo “psicoterapeuta” solo successivamente all’annotazione, da parte del Consiglio dell’Ordine di appartenenza, nell’Albo. Infatti, risulterebbe illegittimo anche l’utilizzo di “psicoterapeuta” successivamente il conseguimento del diploma di specializzazione, ma in attesa dell’annotazione nell’Albo.

Nella scelta della forma ritenuta più idonea per pubblicizzarsi e presentarsi, lo psicologo è tenuto a rispettare “criteri di trasparenza e veridicità del messaggio”. Di seguito i due articoli del Codice Deontologico riguardanti questo argomento:

Articolo 39 Lo psicologo presenta in modo corretto ed accurato la propria formazione, esperienza e competenza. Riconosce quale suo dovere quello di aiutare il pubblico e gli utenti a sviluppare in modo libero e consapevole giudizi, opinioni e scelte.

Articolo 40 Indipendentemente dai limiti posti dalla vigente legislazione in materia di pubblicità, lo psicologo non assume pubblicamente comportamenti scorretti finalizzati al procacciamento della clientela. In ogni caso, può essere svolta pubblicità informativa circa i titoli e le specializzazioni professionali, le caratteristiche del servizio offerto, nonché il prezzo e i costi complessivi delle prestazioni secondo criteri di trasparenza e veridicità del messaggio il cui rispetto è verificato dai competenti Consigli dell’Ordine. Il messaggio deve essere formulato nel rispetto del decoro professionale, conformemente ai criteri di serietà scientifica ed alla tutela dell’immagine della professione. La mancanza di trasparenza e veridicità del messaggio pubblicizzato costituisce violazione deontologica.

Per quanto riguarda le ipotesi di reato, si rimanda agli artt. 348 c.p. (esercizio abusivo della professione) e 498 c.p. (usurpazione di titoli o di onori).

Iscriviti alla Newsletter: ricevi aggiornamenti via e-mail e/o via WhatsApp

Condividi questo post

By Published On: 4 Ottobre 2018Categories: Codice Deontologico Psicologi6 CommentsTags: , , Last Updated: 13 Maggio 2021

6 Comments

  1. Paola 9 Ottobre 2018 at 22:12 - Reply

    Ciao Marco, in realtà non è l’annotazione come psicoterapeuta presso il proprio albo che definisce la possibilità di utilizzare il titolo se correttamente conseguito.
    Ci sono colleghi/e che avendo conseguito il diploma di psicoterapia e la conseguente abilitazione all’esercizio della stessa lavorano come psicoterapeuti/e, si definiscono tali e fatturano regolarmente prestazioni di psicoterapia.
    E l’Ordine si accorge che lo sono solo in seguito a segnalazioni deontologiche per sospetta usurpazione di titolo.
    Semmai è utile che il/la collega psicoterapeuta comunichi regolarmente all’Ordine e all’Enpap, se iscritto/a, i suoi dati. Compresa specializzazione, indirizzi e contatti.

    • Marco Pingitore 9 Ottobre 2018 at 23:00 - Reply

      Cara Paola,
      la legge è chiara e va rispettata.
      Secondo questo ragionamento anche il laureato in psicologia abilitato (cioè che ha superato esame di stato), ma ancora non iscritto all’Ordine potrebbe definirsi psicologo. Direi di no.
      Giusto un paio di chiarimenti: dopo il diploma di psicoterapia non è necessaria alcuna abilitazione così come non è necessaria alcuna comunicazione all’enpap.
      Un caro saluto.
      Marco

  2. Deborah Melis 11 Novembre 2020 at 12:11 - Reply

    Salve, è corretto però dire che si fa psicoterapia. La dicitura psicoterapeuta è impropria, però dal terzo anno lo psicologo specializzando può esercitare psicoterapia sotto supervisione.

    • Marco Pingitore 11 Novembre 2020 at 12:20 - Reply

      Buongiorno,
      sì, all’interno del Centro Clinico della Scuola di Specializzazione. Non al di fuori.
      Cordiali saluti.
      Marco Pingitore

  3. Daniele gallucci 30 Marzo 2023 at 22:31 - Reply

    Buonasera.
    Colgo l’occasione per ringraziarla per i preziosi contenuti didattici che carica in rete e che mi sono stati preziosi per l’abilitazione professionale.
    Volevo chiederle, la dicitura “specializzando in psicoterapia” risulta impropria? Ricordo di aver letto qualcosa in proposito ma non riesco a risalire alla fonte..
    Un cordiale saluto
    DG

Leave A Comment

Post correlati

Iscriviti alla Newsletter

No spam, il tuo indirizzo e-mail non verrà ceduto a soggetti terzi.

Iscriviti alla Newsletter

No spam, il tuo indirizzo e-mail non verrà ceduto a soggetti terzi.

Total Views: 1.806Daily Views: 1