Il consenso informato (art. 24) va fatto firmare anche per un sostegno psicologico in un contesto di associazione di volontariato? dove l’utente non paga nulla e lo psicologo lavora come libero professionista.

Un’altra domanda: nel caso di una stimolazione cognitiva di tipo gruppale con persone con declino cognitivo o demenza, come è possibile rispettare l’art. 14 del codice deontologico, e quindi il diritto alla riservatezza di ogni partecipante? Non ci potrà essere garanzia che tutti i partecipanti riusciranno a garantire riservatezza.

1. sì, anche se la prestazione è gratuito è obbligatoria l’acquisizione del CI
2. l’importante è che lo psicologo si impegna a far rispettare l’art. 14, poi chiaramente non può avere la garanzia. I pazienti non hanno il segreto professionale. Si impegnano.

Iscriviti alla Newsletter: ricevi aggiornamenti via e-mail e/o via WhatsApp

Condividi questo post

Leave A Comment

Post correlati

Iscriviti alla Newsletter

No spam, il tuo indirizzo e-mail non verrà ceduto a soggetti terzi.

Iscriviti alla Newsletter

No spam, il tuo indirizzo e-mail non verrà ceduto a soggetti terzi.

Total Views: 398Daily Views: 1